Sleepy town, video HD, 2' loop 2010)devisventurelli.comdevisventurelli.com

Il lento girare della camera afferra l'immobilità sprofondata nell'oblio. È un'altra città dalle sembianze anonime che divide lo spazio fra il sé e il silenzio ovattato della scena. Non c'è inizio né fine ma un continuo scandagliare le prospettive ricorrenti dove il bianco annulla il paesaggio e gli oggetti vivono della loro natura. Non c'è scala, non c'è dimensione; è il modello ideale del nostro comune abitare.

The slow turning of the camera captures an immobility sunk into oblivion. It is a different city, looking anonymous, dividing space between the self and the mufflet silence of the scene. There is no beginning, and no end, but a constant fathoming of recurring perspectives, where white erase the landscape and objects live a life of their own. There is no scale, no dimension - it is the ideal model of our living toghether.